La Stagione

 masquerade ball

Quante volte avete sentito parlare della Stagione mondana? Quante volte vi siete chieste cosa sia e quando fosse questa Stagione?

London Season

London Season

Sia che abbiate letto il mio romanzo a puntate, dove è stata solo lievemente accennata, sia che abbiate letto altri libri ambientati tra il 1700 e il tardo 1800 o visto film e serie tv sempre dell’epoca, avrete sicuramente sentito parlare della Stagione.

Durante la primavera le ragazze iniziavano la loro caccia a un buon partito, venivano organizzati i balli di debutto, le famiglie ricche, ovviamente, li volevano organizzare nella capitale, questo richiamava dalle campagne la piccola nobiltà, la gentry e ovviamente più persone si spostavano e più ne servivano. Servitori, affaristi, modiste. Le ragazze andavano a fare i loro  balli, gli uomini a caccia di affari o di una buona moglie o semplicemente per divertirsi.

Se avete letto il post di venerdì sul debutto in società sapete per certo come mai i balli di Stagione erano così ambiti e sognati dalle fanciulle in età da marito.LS_PreCatelan_Rest

Tutte le ragazze sognavano di accedere a questi ritrovi tra ricchi poiché era più facile accalappiare un marito di alto livello ed erano ben incoraggiate dai familiari che spendevano delle vere e proprie fortune per far fare bella figura alle giovani figlie e nipoti, visto che dovevano apparire perfette in tutte le situazioni, perché se la Stagione voleva dire grande desiderio e aspettativa poteva anche voler dire mortificazioni e suicidio sociale.

Cosa si faceva durante la stagione?

JP_Derby

La Stagione non era fatta solo di balli e ricevimenti, c’erano altri ritrovi ed azioni importanti, una di esse era la beneficenza. Era un dovere

1863 Ascot Race

1863 Ascot Race

vero e proprio, per ogni Lady benestante, prendere parte ai ritrovi settimanali che venivano organizzati per raccogliere cibo e coperte per i poveri, o dove si poteva donare i propri abiti dismessi o oggetti preziosi inutilizzati a favore di quella o quell’altra causa. Va da sé che, come per molte di queste “opere pie”, venivano messe in atto più per mettere in luce se stesse che per il vero valore che avevano i gesti compiuti. Sicuramente erano molto poche le donne che compivano queste azioni per bontà personale.

Una serata a teatro

Una serata a teatro

Ovviamente c’erano le serate a teatro dove si doveva essere abbigliate e ingioiellate alla perfezione. Quando nei film vedete le dame che con il binocolo, anziché guardare l’opera spiano le dame sugli altri palchi non state assistendo a un’esagerazione scenica, gli spettacoli più ambiti erano le piece proposte dal West End Theatre.

Un’altra cosa tipica della Stagione londinese erano le corse dei cavalli ad Ascot. Per poter accedere bisognava essere vestiti in modo adeguato e soprattutto bisognava tenere un’etichetta anche più rigida di quella che si teneva a Palazzo.

Altra manifestazione di rilievo era il Chelsea Flower Show. Evento di tipo botanico con floricoltori provenienti da tutta l’Inghilterra. (Manifestazione che si tiene ancora oggi a Londra).

Chelsea Flower Show 2010 contenders for best in show victorian aviary garden.

Chelsea Flower Show 2010 contenders for best in show victorian aviary garden.

In fine vi era anche il Festival di Edimburgo.

giardini di Vauxhall

Giardini di Vauxhall

Durante la Stagione, poi, c’erano molte cose da fare, passeggiate, ritrovi tra amiche, circoli del cucito, tè con le signore, la beneficenza di cui si è detto sopra, visite al porto traghetti o ai giardini Vauxhall, le visite ai poveri, le gite in campagna, ovviamente lo shopping.

E naturalmente c’era il riposo dopo i balli del mercoledì che si protraevano fino all’alba.

Wimbledon

Wimbledon

Oltre a queste occupazioni tranquille c’erano poi le corse clandestine con le carrozze, il gioco d’azzardo e l’alcool, con cui spesso si eccedeva.

Al giorno d’oggi le gare di tennis di Wimbledon cadono proprio durante il periodo della Stagione, il che lascia intuire da dove derivi l’origine di questa competizione sportiva.

In che periodo era la Stagione mondana?

0_6cf6c_b757a107_XL_large-

L’inizio era tradizionalmente dopo Pasqua e terminava con l’apertura della caccia al fagiano che incominciava il 12 di agosto.

66482Per quella data quasi tutte le damigelle e i gentiluomini si erano allontanati dalla capitale o dalla città mondana dove erano andati a trascorrere quel periodo. Un’altra meta poteva essere Bath ad esempio.

La Stagione londinese aveva però date tutte sue, rispetto a quelle delle altre città.

Iniziava dopo Natale e terminava a metà estate. Il suo inizio coincideva con la prima Seduta del Parlamento annuale.

La Stagione Londinese

Un Tè vittoriano

Un Tè vittoriano

Londra era ovviamente il luogo più ambito dove debuttare e trascorrere la prima Stagione, anche se si trattava di una cosa che poteva ritorcersi contro le malcapitate damigelle inesperte o male istruite.

Gli uomini e le donne abituati a frequentare Londra erano avvezzi ad un tipo di comportamento e maniere che erano ben distanti da quelle tenute dalla piccola nobiltà terriera.

Solo le più fortunate e abili riuscivano a “brillare” durante la stagione di Londra, purtroppo era molto facile cadere vittima di pettegolezzi o dei giornali scandalistici, che purtroppo esistevano già in quell’epoca, fare anche il più piccolo passo falso voleva dire essere segnate per sempre. Mentre in una piccola città di provincia gli errori di una debuttante potevano essere lasciati correre o addirittura nemmeno notati, a Londra, le Patronesse di Almack’s non avrebbero certo perso tempo a mettere al bando la malcapitata, spargendo voci ovunque, dai balli al più piccolo ritrovo di cucito per i poveri

669d97368339f99c94bd6ace0ba13ac2Il luogo più prestigioso dove debuttare e trascorrere la prima Stagione, per una ragazza era senza dubbio la capitale, ma si trattava di un’arma a doppio taglio.

La Stagione londinese era un sicuro successo  per chi era davvero dell’ambiente, nobili di alto rango, figlie di ministri o di persone con cognomi importanti e con le tasche molto piene.

Ogni tanto capitava che qualche ragazza di ceto leggermente inferiore riuscisse anche a spuntare un buon matrimonio, ma erano fatti davvero rarissimi. L’alta società londinese, il Ton, non era aperto nei confronti degli estranei e specialmente dei campagnoli.

Come ci si vestiva durante la Stagione?

Moda vittoriana

Moda vittoriana

219a8bf6225f92262c7e1a7a8cccf2f2Durante la Stagione era imperativo rifarsi il guardaroba, sia per gli uomini che per le donne, era in assoluto il periodo in cui le modiste lavoravano di più.

Sarebbe stato impensabile presentarsi con mise datate o sfoggiare mode passate.

Vi state chiedendo da quanti capi fosse composto un guardaroba per una stagione?

Una miriade, considerando che ogni abito vedeva abbinata una quantità inimmaginabile di orprelli e accessori: dal fiocco, alla borsa, al ventaglio, alle scarpe, ai fiori da appuntare sul cappellino o lo scialle da usare in una sera più fredda.

Certo non si poteva comparire in pubblico ai balli sociali o da Almack’s con un vestito che si era già messo più volte perchè sarebbe stato sconveniente. Quindi bisognava mettere mano al portafoglio. Le sarte e le modiste delle città più frequentateimg-thing facevano affari d’oro nel mese che precedeva l’apertura della Stagione e anche le sartine di periferia che lavoravano o per le ragazze del paese o per i grandi ordini delle città ricevuti dalle modiste che mandavano “in appalto” le richieste.

Era usanza, infatti, che le grandi stiliste si facessero aiutare dalle sarte meno famose compensandole per il lavoro. Insomma, ciascuno faceva del suo meglio per apparire e far apparire bello.

Anche gli uomini si rifacevano il guardaroba, rinfrescavano vecchi modelli e li adattavano alle nuove mode. Si facevano confezionare anelli e bastoni da passeggio, cappelli e guanti. In Bond Street, una delle strade dei negozi di Londra, esisteva un negozio di cappelli molto famoso che marchiava ciascuna creazione e, dal numero, si poteva risalire all’acquirente.

Ecco cosa era richiesto per partecipare con decoro ad una corsa ad Ascot:

Victorian-Dickens-Mens-costume-infographic-vintagedancer

Moda Vittoriana Uomini

  1. Ad Ascot il cappello è obbligatorio.
  2. Per essere presentati per la prima volta al Palco Reale occorre essere dignitosamente vestiti e sponsorizzati da qualche conoscenza dei reali o parenti della famiglia regnante, oppure da qualcuno che è stato ammesso al palco più di quattro volte.
  3. Se si dispone del privilegio di entrare nel Palco Reale, occorre che i gentiluomini indossino abiti neri o completi grigi da mattina abbinati a panciotto e cilindro.
  4. Le signore non devono mostrare troppa pelle.
  5. I vestiti devono esse accollati e le spalle coperte.
  6. Indossare un cappello e scarpe basse per essere ammesse al Palco.

Dove si viveva durante la Stagione?

844e6d0fc9beDurante il periodo della Stagione le Ladies si trasferivano dai parenti che vivevano nella città prescelta, oppure tutta la famiglia prendeva in affitto una casa e vi si stabiliva. Più si voleva impressionare le persone e più si tendeva a strafare affittando case che difficilmente ci si poteva davvero permettere.

C’erano poi i più ricchi che possedevano i palazzi e le case direttamente a Londra e vi si trasferivano con tutta la servitù al seguito oppure facevano operare le assunzioni, solo per quel periodo, dal primo maggiordomo, lasciando a casa la propria servitù.

Purtroppo, per i poveri, l’abitudine di assumere personale solo per quei periodi era diffusa infatti nei periodi morti dell’anno, come l’estate, vi era un tasso di disoccupazione elevatissimo nelle grandi città.

La Piccola Stagione

La Piccola Stagione c’era solo a Londra, era tra ottobre e dicembre e avveniva in occasione della riapertura delle Camere del Parlamento dopo la chiusuraimages estiva. Era assolutamente da evitare per il debutto in società, alla quale si doveva preferire quella primaverile, ma serviva a mettersi in mostra e a riportare l’attenzione sugli eventi della Stagione appena trascorsa, come i pettegolezzi sulle malcapitate, i fidanzamenti e i matrimoni.

A quante Stagioni si poteva prendere parte?

c6b6fa9c382ctNon vi era un limite una volta che si era stati introdotti in società, ma per le ragazze che non avevano trovato marito, dopo la seconda, massimo terza stagione, poteva diventare imbarazzante poiché vittime di pettegolezzi e maldicenze e soprattutto accostate a fanciulle più fresche e giovani.

Una donna definita ufficialmente zitella, comunque, era un’ottima accompagnatrice per le più giovani e poteva introdurle negli ambienti e badare a loro con un occhio particolare. Erano molto ambite per la loro funzione di abili chaperon.

Una donna sposata invece partecipava alla Stagione esclusivamente per mettere in mostra se stessa e il proprio status sociale o manifestarne uno che non possedeva.

Spero che questo articolo sia stato esauriente ed interessante e vi invito a farmelo sapere! Vi invito inoltre, nel caso ci fosse qualcosa che vi incuriosisce, a richiedermi di trattare l’argomento. Se volete ringraziarmi è molto gradita la condivisione dell’articolo su facebook tramite l’apposito tasto sotto il post. (Vi ringrazio anticipatamente per il tempo che avete dedicato alla lettura di questo ed altri articoli). Se dedicherete un secondo del vostro tempo a clikkare il bannerino rosa qui sotto mi regalerete un voto per aiutarmi a rendere un po’ più visibile il mio blog.

siti

 Acquista il mio libro! 

 LE CRONISTORIE DEGLI ELEMENTI - Il mondo che non vedi 1

 buy_2._V196835997_

Altri social:

Youtube

FacebookcronistorieTwitter  InstagramGoogle+Facebook

Annunci

23 thoughts on “La Stagione

  1. Ogni volta che leggo i tuoi post vengo catapultata in questa epoca bellissima. Mi sarebbe tanto piaciuto vivere lì, per partecipare a balli e indossare quei vestiti da favola! Se solo esistesse una macchina del tempo mi ci fionderei subito XD

    Liked by 1 persona

      • Robe da non crederci.. Gia immagino cosa possa esserti successo :S Purtroppo certa gente la serietà non sa dove sta di casa. Va bene quando torni mi dici poi! Un abbraccio 🙂

        Liked by 1 persona

      • In pratica, tra i tanti, mi sono beccata uno che ha un sito di disegni su commissione, quindi lo fa per lavoro che mi ha propinato, come bozza, prima un’immagine minuscola, dove manco si vedeva la faccia, formato fototessera che se provavo a ingrandire veniva fuori tutto pixelloso. Quando gli ho d etto che non si capiva nulla mi ha tirato fuori una palla che photoshop quando esporti le immagini le rovina, e già lì mi puzzava, poi alla fine me ne ha mandata una più grande…. Era la foto del personaggio di un videogioco.
        Roba da pazzi…
        Mi voleva sfilare dei soldi proponendomi come copertina del mio libro l’immagine di un personaggio di un videogame, per la serie che poi mi beccavo pure una denuncia per violazione di copyright…
        Questo è il peggiore, poi ce ne sono tanti.

        Mi piace

  2. Pingback: Galateo ~ Le Visite | Racconti dal passato

  3. Pingback: Mattina ~ La Passeggiata ~ La Giornata della Lady Vittoriana | Racconti dal passato

  4. Pingback: Sera ~ Il Dopo Pranzo ~ La Giornata della Lady Vittoriana | Racconti dal passato

  5. Pingback: Camera per gli ospiti ~ Stanze Primo Piano ~ La Casa Vittoriana | Racconti dal passato

  6. Pingback: Galateo ~ Come comportarsi in occasione di un ballo | Racconti dal passato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...