L’altra donna del re ~ film

locandinapg15

Buongiorno a tutti e buon giovedì!

Come va oggi? Spero tutto bene!

Ho deciso di parlarvi di questo film oggi, l’ho già visto diverse volte e lo trovo molto bello.

L’altra donna del re (The Other Boleyn Girl) è un film del 2008, diretto dal regista Justin Chadwick, tratto dall’omonimo romanzo di Philippa Gregory.

Trama

5oDdgnB

Enrico VIII regna sull’Inghilterra e desidera un figlio maschio che la moglie, Caterina di Aragona, non sembra essere in grado di dargli. Sir Thomas Boleyn, (Bolena per noi italiani), vede nella figlia Anna una potenziale attrattiva per il re che va colta nel momento in cui costui verrà ospitato in casa per una battuta di caccia. Le cose non vanno come l’uomo vorrebbe perchè Enrico viene attratto dall’altra figlia dei Boleyn, Mary, che farà sua amante e da cui avrà un figlio. Ma, nel frattempo, Anna (temporaneamente inviata presso la corte di Francia) ha fatto ritorno in Patria ed appare al re sotto una luce diversa. Riuscirà a farla divenire sua moglie ripudiando Caterina e imponendo lo strappo con la Chiesa Cattolica che porterà alla formazione della Chiesa Anglicana. Ma anche questa sarà una relazione tormentata.

Scheda

Titolo originale The Other Boleyn GirlThe Other Boleyn Girl
Paese di produzione UK, USA
Anno 2008
Durata 115 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85 : 1
Genere drammatico, storico
Regia Justin Chadwick
Soggetto Philippa Gregory
Sceneggiatura Peter Morgan
Produttore Alison Owen e Scott Rudin
Distribuzione (Italia) Universal Pictures
Fotografia Kieran McGuigan
Montaggio Paul Knight e Carol Littleton
Musiche Paul Cantelon
Scenografia John Paul Kelly
Costumi Sandy Powell

Interpreti e personaggi

Natalie Portman: Anne Boleynlaltra-donna-del-re-1
Scarlett Johansson: Mary Boleyn
Eric Bana: Enrico VIII d’Inghilterra
Jim Sturgess: George Boleyn
Mark Rylance: Sir Thomas Boleyn
Kristin Scott Thomas: Lady Elizabeth Boleyn
David Morrissey: Thomas Howard duca di Norfolk
Benedict Cumberbatch: William Carey
Ana Torrent: Caterina d’Aragona
Eddie Redmayne: William Stafford
Oliver Coleman: Henry Percy
Andrew Garfield: Francis Weston

Considerazioni personali

1add82b913971cf0100709790edb6214

La metà del 1500 in questo film è rappresentata alla perfezione, i paesaggi inglesi sono stupendamente belli, sembrano davvero scene tratte dal 1500 nonostante siano state registrate ai giorni nostri. Guardando questo film si riescono a respirare gli odori dell’epoca, a sentire il profumo delle ciprie a corte e dell’erba bagnata nei  boschi.

1206143214-TheOtherBoleynGirl2EnaGranuloCome ben sapete io amo i film storici, meglio ancora se sono ben realizzati e questo film ha tutte le carte in regola per esserlo. I costumi sono strepitosi, la fotografia eccellente e l’occhio del regista ha saputo rispettare luci e ombre di un’epoca controversa.

Il film è incentrato sulla figura di Enrico VIII e sulla sua facilità a innamorarsi velocemente quasi quanto a disamorarsi. Le due donne che ruotano attorno al sentimento del Re sono le due sorelle Anne e Marie Bolena, Due sorelle rappresentate in maniera del tutto opposta. Marie, dolce e semplice ragazza senza grandi pretese e Anne arcigna e spietata arrampicatrice sociale che tenta placare la sua ambizione seducendo il sovrano con i suoi rifiuti.

Potrebbe quasi sembrare che queste due donne abbiano fatto tutto da sole, ma in realtà i veri burattinai latenti restano i loro familiari che, pur di elevarsi di rango sociale, non tentenneranno a mandare in rovina i propri affetti, giostrando le vite umane come burattini in una commedia che si avvicina a una farsa.laltra-donna-del-re-02_mid

Scarlett Johansson e Natalie Portman sono le sorelle Bolena, molto brave nella loro interpretazione, credibili, vere.

Ottimo anche Eric Bana nel ruolo di Enrico VIII.

Questo film ci ricorda che i sentimenti e le passioni brucianti esistevano in qualsiasi epoca, non conta 2000, 1800 o 1500, mischiare sentimenti e potere non porta mai nulla di buono.

La vicenda storica sulla sorte di Caterina d’Aragona viene trattata piuttosto rapidamente, probabilmente per esigenze cinematografiche onde evitare un film lungo 4 ore, ciononostante sul re possiamo dire che ebbe sei mogli la cui sorte non è stata molto serena, quindi più probabile che fosse lui un eterno insoddisfatto che non le donne che lo circondavano.

Trailer

Inesattezze storiche

l-altra-donna-del-re-trailer-italiano-43

(Da leggere solo se avete già visto il film o conoscete la storia onde evitare spoiler)

  • Anna non era la sorella maggiore, ma, con ogni probabilità, la secondogenita, essendo nata tra il 1500 ed il 1501. Maria era nata probabilmente attorno al 1499 e Giorgio, il più giovane, attorno al 1504. È probabile che vi fossero ulteriori fratelli che tuttavia non sopravvissero all’infanzia.Scarlett Johansson (Mary Boleyn) and Natalie Portman (Anne Boleyn) on the set of The Other Boleyn Girl
  • La famiglia Bolena non tramò mai per fare di Anna l’amante di Enrico VIII, anche se successivamente i famigliari della giovane sfruttarono la posizione ottenuta dalla figlia.
  • Maria non andò mai a trovare la sorella durante la sua permanenza nella Torre prima dell’esecuzione, tanto meno chiese al re di risparmiare la sua vita. Non era, del resto, una mossa saggia.
  • Dopo le nozze di Maria con William Stafford, celebrate segretamente attorno al 1534 e rese pubbliche solo dopo che Maria rimase incinta, i due furono banditi dalla corte – probabilmente per volere di Anna e del padre, che reputavano il marito della sorella e figlia di rango non adeguato alla loro nuova posizione – ed i rapporti tra le due sorelle s’interruppero definitivamente.
  • Anna Bolena ebbe almeno due aborti spontanei, non uno, prima di essere giustiziata.
  • La relazione di Anna con Henry Percy non fu interrotta per volere del re già invaghitosi di lei, ma per l’intervento del cardinale Wolsey, in quanto il giovane era già promesso ad una nobile ereditiera, con cui infine si sposò.
  • Non è mai stato provato che il giovane conte ed Anna avessero consumato il rapporto – circostanza questa che avrebbe conferito al loro legame l’efficacia di un matrimonio vero e proprio – ed anzi lo stesso Percy, alcuni anni dopo, giurò che tra lui ed Anna non erano mai intercorsi rapporti sessuali.altra_donna_del_re_natalie_portman_justin_chadwick_014_jpg_czqe
  • Anna non fu mandata in Francia dopo la rottura con Percy, ma si allontanò dalla corte per uno o due anni, all’incirca tra il 1524 ed il 1525.
  • Il soggiorno di Anna all’estero – dapprima negli attuali Paesi Bassi, al seguito di Margherita d’Asburgo, quindi in Francia al seguito dapprima di Maria Tudor e successivamente di Claudia di Francia durò circa dieci anni, a partire dal 1512 fino al 1521, quando la giovane, ormai sui vent’anni, fu richiamata in Inghilterra in vista di un matrimonio combinato con un lontano parente che tuttavia non ebbe luogo anche a causa della tresca con il conte Percy.
  • Una lettera di Lord Hudson a Burghley prova che Anna fu la sorella minore di Maria e non la maggiore.
  • Quando arrivò a corte, Anna aveva almeno vent’anni.
  • Giorgio Bolena, verosimilmente, non ha mai neppure provato ad avere rapporti con la sorella: si trattò di un’accusa avanzata solo per condannare la Regina.
  • La moglie di Giorgio Bolena, Lady Jane Rochford, non assistette a rapporti incestuosi tra il marito ed Anna, anche se, interrogata durante il processo alla regina ed ai suoi presunti complici, sostenne che tra fratello e sorella vi era «indebita familiarità» e che Anna le avrebbe confidato che il re era impotente, sollevando così dubbi sulla paternità della figlia.scarlett-johansson-in-l-altra-donna-del-re-52649
  • Anna Bolena è stata in Francia più di una volta ed in particolare vi passò gran parte dell’infanzia e dell’adolescenza, tanto che nei documenti il suo nome era talvolta scritto «De Boullan»; lo stesso dicasi per Maria, che con molta probabilità fu anche amante di re Francesco I.
  • Non è certo che il giovane Henry Carey, figlio di Maria fosse di Enrico VIII, nonostante tale voce circolasse fin dalla nascita del ragazzo ed effettivamente tra i due vi fosse una notevole somiglianza; il giovane Henry non era il primogenito di Maria, ma era stato preceduto da una femmina, Catherine Carey.
  • Maria Bolena non allevò Elisabetta I, che fu confinata altrove come bastarda per avere poi sorti alterne a seconda della benevolenza o meno delle successive mogli di Enrico VIII.
  • Enrico VIII non forzò Anna Bolena ad avere rapporti sessuali, anzi sembra che la relazione tra i due sia rimasta più o meno platonica almeno fino al viaggio compiuto dal re a Calais con Anna alla fine dell’anno 1532 (considerando che la nascita della figlia Elisabetta avvenne nel settembre 1533).
  • Maria Bolena sposò William Stafford molto prima che nel film e da allora ruppe i rapporti con i famigliari, i quali cessarono di versarle l’appanmaggio vedovile che le spettava, tanto da costringerla a scrivere a Thomas Cromwell, segretario del re, per avere degli aiuti economici per sé e per il marito, giustificando la propria scelta di legarsi ad un uomo di origini non nobili e di scarsi mezzi in quanto “non avrei potuto trovare un uomo più onesto o che mi amasse di più”.145_ppl
  • Assieme a Giorgio Bolena furono giustiziati altri quattro cortigiani accusati di aver avuto rapporti adulterini con la regina Anna: Mark Smeaton, un musicista, e tre cortigiani: William Brereton, possidente del Cheshire, Francis Weston ed Henry Norris, quest’ultimo intimo amico e compagno di Re Enrico fin dall’adolescenza. Con loro fu inoltre imprigionato il poeta Thomas Wyatt, sospettato di essere anch’egli un amante della regina, ma che successivamente fu rilasciato.
  • Giorgio Bolena, diversamente da quanto mostrato nel film, si presentò sul patibolo con dignità, esortando i presenti “a credere in Dio e non nelle vanità mondane, perché se io l’avessi fatto, adesso sarei ancora vivo tra di voi” e chiedendo di pregare per la sua anima.
  • Anche Anna Bolena si presentò sul patibolo mostrando fermezza, lodando la misericordia del sovrano e supplicando i presenti di “giudicarla con clemenza” e pregare per lei.
  • Diversamente dall’attrice ingaggiata per il film, Caterina d’Aragona non era mora, bensì aveva capelli biondi con riflessi rosso-dorati e gli occhi azzurri.
  • Enrico VIII non era moro, ma biondo-rossiccio e, all’epoca della relazione con Anna Bolena, già stempiato e fisicamente molto massiccio.

Voi conoscevate questo film? Come vi sembra?

Per oggi è tutto, a presto!

Laura

Se l’articolo ti è piaciuto come spero regalami il tuo voto Puoi anche votare la qualità del blog da 1 a 10!

siti

Acquista i miei libri! 

Clikka sull’immagine!

 Featured Image -- 7045LE CRONISTORIE DEGLI ELEMENTI - Il mondo che non vedi 1

Altri social:

Youtube

FacebookcronistorieTwitter  InstagramGoogle+Facebook

 

Annunci

19 thoughts on “L’altra donna del re ~ film

  1. Non ricordo se ho letto prima il libro o ho visto il film, ma mi sono piaciuti comunque entrambi: tutto sommato, come dici tu, mi è parsa un’ottima trasposizione cinematografica del romanzo, pur con tutte le limitazioni del caso e con tutti i falsi storici.
    Anche la scelta degli attori è stata azzeccata.
    Non vorrei dire una sciocchezza ma mi pare che sia facilmente ritrovabile su Netflix.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...