Su Di Me #61

 

copy-of-su-di-me61

 

Scrivere è una specie di droga per me e non sto davvero scherzando.

Molti mi fanno i complimenti perché ho già pubblicato tre libri, molto presto il quarto e la nuova versione di Lady Jessica, altri mi chiedono dove io trovi il tempo per farlo e quando rispondo che lo faccio in tutto il mio tempo libro si complimentano per il sacrificio.

Io vorrei davvero dire che non è per niente un sacrificio, è proprio un bisogno.

Se vi racconto che passo il 90% dei fine settimana e delle serate a scrivere non lo dico per dimostrare quanti sacrifici io faccia per portare avanti il mio sogno, ma semplicemente perché è quello che faccio. Non mi pesa il pensiero di non uscire, la verità è che quando non scrivo per un po’ di tempo ne sento proprio la mancanza.

La cosa buffa, inoltre, come se non avessi abbastanza cose da portare avanti, è che io invento nuove trame in continuazione, se non lavorassi diventerei una specie di copisteria vivente e non sto scherzando.

Ho messo in bozza almeno dieci trame di storie differenti nell’ultimo anno, senza considerare il fantasy e il romance vittoriano.

Tanti dicono che leggere è come vivere tante vite ed è indubbiamente vero, per me lo è molto di più scrivere, in quel modo puoi sbirciare proprio cosa vorresti, senza doverti accontentare della fantasia di qualcun altro.

A volte mi chiedo se troverò mai il tempo per portare avanti tutte le storie che mi vengono in mente, una cosa è certa: mi piacerebbe.

E voi, qual è la cosa che più amate fare e che se non fate dopo un po’ diventa un’esigenza impellente?

Per oggi vi saluto e vi auguro un felice venerdì, manca ancora poco e scatta il fine settimana!

Un abbraccio a tutti!

Laura.

Se l’articolo ti è piaciuto come spero regalami il tuo voto Puoi anche votare la qualità del blog da 1 a 10!

siti

Acquista i miei libri! 

Clikka sull’immagine!

il-regno-dellaria

LE CRONISTORIE DEGLI ELEMENTI - Il mondo che non vedi 1

Altri social:

Youtube

FacebookcronistorieTwitter  InstagramGoogle+

Advertisements

19 thoughts on “Su Di Me #61

  1. Buongiorno Laura
    anche io amo scrivere, mettere in piedi trame, e come te ne ho un bel pò già pronte che aspettano di essere sviluppate. Ho letto il tuo articolo e quasi mi sembrava di leggere quello che avrei scritto io stessa. Non scrivremo libri dello stesso genere, ma la passione è la stessa. E il tempo limitato dal lavoro, la casa, la famiglia…
    Buon weekend e continua così 🙂

    Liked by 2 people

  2. Buongiorno Laura, come sai anche a me piace molto scrivere; in questo periodo però sono un po’ a corto di idee; forse perché sono partito a scrivere questa cosa senza un’idea iniziale, se non quella che desideravo scriverequalcosa con un determinato tipo di persona. Il resto è venuto da sé, a volte in maniera lineare, altre in maniera forzata, e quindi spesso ho dovuto “aggiustare il tiro”, correggendo le cose che non andavano… Lo sai, non demordo: a costo di impiegarci due/tre/quattro anni, voglio continuare con questo progetto.
    Ti rinnovo il mio Affetto e la mia Stima! ❤
    Buon fine settimana 🙂

    Liked by 1 persona

    • Caro Luca, se vuoi accettare il mio consiglio ti suggerisco di cambiare metodo.
      Scrivere alla “va dove ti porta il cuore” non è tra i migliori modi, difficilmente porta a qualcosa di compiuto.
      Dovresti metterti lì con calma e studiare una trama lineare per il personaggio di cui vuoi parlare strutturando un piccolo riassunto di tutti i capitoli, bastano anche due righe di idea per capitolo. Poi quando hai lo scheletro di tutta la storia stenderai davvero i capitoli.
      In questo modo non avrai buchi e non ti troverai a corto di idee, seguirai uno schema pulito, come una strada sempre dritta che ti porterà alla meta finale: l’epilogo.
      (Alla “va dove ti porta il cuore” non era riferito al libro, era inteso come modo di dire, un po’ come dire: alla spera in Dio).

      Liked by 1 persona

      • Grazie, cara Laura! Certo che accetto il tuo consiglio, ci mancherebbe! Non nego di aver pensato più volte a fare quello che mi proponi, ma poi, a cose già fatte, con due capitoli praticamente ultimati ed un (ipotetico) ultimo capitolo, non so quanto potrebbe essermi utile; se non dovessi tenere in considerazione questi tuoi consigli, ti garantisco che li sfrutterò per il prossimo scritto. In quantio alla tua espressione, avevo capito a cosa ti riferissi, ma grazie comunque per averlo precisato. Grazie ancora!
        Ti voglio bene! ❤

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...