La giornata dell’Autore ~ Lorena Laurenti

Racconti dal passato

Buon venerdì a tutti!

Pronti per il week-end? Eh… no… Aspettate un attimo! Non potete abbandonarvi al fine settimana senza aver letto il post dedicato all’autrice della settimana!

Ho conosciuto Lorena poco meno di un anno fa, infatti è lei ad aver realizzato la copertina del mio libro, ma… non andiamo fuori tema, oggi parleremo dei suoi libri!

Chi è Lorena?

Ecco cosa ci racconta di sé:

56543869-5480-4450-a9d1-af63eb4003ee“Lorena Laurenti nasce nel 1979 in un paesino tra Italia e Slovenia. Portata per il disegno, segue un percorso di formazione artistica diplomandosi come maestra d’arte. La sua passione si trasforma ben presto in una visione eclettica della vita. Si trasferisce a Treviso finiti gli studi, città di cui s’innamora perdutamente. Affascinata dalle energie sottili e in continua ricerca di un’evoluzione interiore, inizia a osservare il mondo con una percezione diversa e ampia, che le permette di sfiorare il confine tra reale e irreale. Nel 2012 esordisce su Amazon come scrittrice fantasy. La sua prima saga, TRI, conquista il pubblico e si aggiudica fin dai primi mesi la posizione di best-seller. Da quel momento la passione diventa un lavoro a tempo pieno. Ama definire la sua scrittura evolutiva, in quanto dietro a ogni storia, tra le righe, c’è un messaggio nascosto che accompagna il lettore in una costante crescita.”

Conosciamo i suoi libri

TRI

9f196dd8-34fa-4769-a637-891bfc296cc6Accade ogni mille anni…

Predestinazione, destino, fato.

Aprire gli occhi e scoprire di essere in un deserto. Qual è la prima cosa a cui pensereste?

Accade a Saira, sedicenne abituata alla frenetica e comoda vita moderna.
Un sogno ricorrente. Un passato antico. Un mondo in cui non esiste il libero arbitrio.
L’incubo sembra non avere fine. Un’anima privata del suo amore in cerca di vendetta.
Può il sentimento sopravvivere ai secoli?

Il primo romanzo di una trilogia giovane e fresca che riesce a unire tante emozioni: malinconia, amore, passione, rancore e mistero vi terranno legati dalla prima all’ultima pagina.


Tirò fuori una grossa candela che accese in un secondo, con un semplice gesto.
“Come hai fatto?”
“Magia”, rispose sorridendo.
“Non credo alla magia.”
“Dovresti”, disse secco.
Il senso di colpa non mi lasciava andare, ma allo stesso tempo ero stupidamente felice di essere lì con lui.
Era strano, irreale, ma estremamente bello.

 

Questo è Tri, e-book o cartaceo che trovate in vendita su Amazon e nei migliori store. L’e-book è in esclusiva Amazon, iscritto anche al servizio Kindle Unlimited, dove potete scaricarlo gratuitamente. Segnalo che tra un paio di mesi riprenderò in mano la saga per un restyling stilistico e, forse, un seguito.

ACQUISTABILE QUI

 

Nero Assoluto

Treviso si tinge di Nero Assoluto.

5adf9fdd-a21a-4b73-8527-94a6dfb6e3dd“Un brivido gelido le accarezzò la nuca, come se un dito la sfiorasse, soltanto che vicino a lei non c’era nessuno.”

“Ogni notte, quando andavo a letto, mi aspettavo di sentirlo, invano. Lo volevo più di ogni altra cosa, un bisogno primordiale che mi stava lentamente consumando, eppure ne ero terrorizzata. Una parte di me non riusciva ancora a crederci.”

“Quel bacio sapeva di ricordi infranti. Aveva il sapore amaro del passato e dolce del presente. Non desideravo altro, non pretendevo altro. Un unico pensiero tornò a farsi prepotente: «Sono tua.»”

Bianco e nero compongono la nostra essenza. Può capitare, però, che il nero prevalga e che sia così intenso da smuovere le emozioni più recondite. Come un essere che striscia dentro di noi, l’oscurità s’insinua lenta, tingendo l’anima di un solo colore: Nero Assoluto.

Quando Erica lo vede la prima volta è sola, seduta sulla riva di un canale, persa in un mondo tutto suo. Dargo non è che un’ombra sfuggente impossibile da ritrarre, eppure riesce a far breccia nella sua coscienza. Da quel momento tutto cambia, in lei e attorno a lei. Nemmeno Arjuna, il suo migliore amico, rimane lo stesso: oscuri presagi iniziano ad assillarlo tormentando i suoi sogni.
Attori ignari del loro ruolo ma con un preciso copione da seguire, come nelle “forme” precedenti, vivono divisi tra un lontano passato e una quotidianità in cui sono alla ricerca del proprio destino. Mattia vuole crearsi una nuova esistenza; Sofia ambisce a trovare un posto nel presente, anche se tutto la riconduce al suo amore perduto. Infine Dargo… uno spettro, un’entità oscura che diventa ogni giorno più reale e tangibile. Un’ombra che esige vendetta.

Tra i suggestivi vicoli di Treviso, magia, amore e mistero rivivono vita dopo vita, in un’infinita ripetizione, come un’opera che non smette mai di andare in scena.

ACQUISTABILE QUI

Questo è Nero Assoluto, sono due libri che trovate riuniti anche in un’edizione speciale cartacea: http://www.amazon.it/Nero-Assoluto-Limited-Lorena-Laurenti/dp/150053269X/ref=sr_1_11?s=books&ie=UTF8&qid=1453719210&sr=1-11

Come per Tri, l’e-book è disponibile anche per Kindle Unlimited.

Trovate su Amazon anche dei racconti, alcuni di questi sono scaricabili gratuitamente sul blog: www.lorenalaurenti.it

Esistono dei siti internet ma al momento sono in fase di revisione. Trovate aggiornamenti e novità sui principali social, tra cui la mia pagina Facebook: https://www.facebook.com/LorenaLaurentiAutrice/

Ed ora ecco le sue risposte alle mie domande!

1ce0eccb-41b4-4ee6-ab0d-98093e7bf202

Come e quando è nato il desiderio di scrivere?

Tra il 2010 e il 2011, quindi abbastanza recentemente. Sentivo il bisogno di raccontare una storia che avevo in mente da tanto tempo e ho creduto che la scrittura potesse essere il mezzo più immediato. All’inizio è stato abbastanza complesso perché io, di fatto, non ero una scrittrice. Poi, a forza di esercizio, corsi ed esperienza, il primo romanzo ha preso forma.

Qual è il genere di libri che scrivi? Tratti più di un genere o uno solo?

Oserei dire romanzi di fantasia. Certo è che la parola “fantasia” può avere mille significati. Per me esiste una realtà ampia dove la magia è parte integrante della vita vera. La mia prima saga è ambientata su un mondo sconosciuto, quello che potrebbe rientrare un po’ nel fantasy puro, la seconda in un contesto reale, urban fantasy. Seppur di genere simile, i riscontri sono stati molto diversi.

Hai avuto riscontri diversi a seconda del genere trattato?

Tri, la prima saga fantasy, è una storia che sentivo profondamente, qualcosa che dovevo per forza trasmettere. Quando l’ho scritta avevo uno stato d’animo particolare e credo che questa energia positiva si sia riversata sui libri. Come succede sempre, però, si cresce e si cambia. Ho deciso di intraprendere un percorso evolutivo, per me prima di tutto, attraverso le mie storie. Ogni libro è un passo in più verso la consapevolezza interiore; Nero Assoluto di fatto smaschera i sentimenti più cupi dell’animo umano. Parole grosse, vero? È solo un urban fantasy, si perde tra mille altri, ma il lettore più attento potrà trovare dei messaggi nascosti tra le righe. Libro più impegnato e pubblico diverso. Personalmente Nero Assoluto mi ha fatto crescere moltissimo come persona, portandomi a una nuova sfida: Figli del Sole. Sto ultimando questo nuovo romanzo che mi è costato un immenso lavoro personale ma che, al tempo stesso, sono certa abbia gettato le basi per i miei futuri libri.

Da cosa prendi spunto per i tuoi libri?

Tri ha avuto più di dieci anni di incubazione, per cui gli elementi di spunto sono stati infiniti. Nero Assoluto è partito dalla città che amo, Treviso, e da Dargo, un personaggio controverso e cupo che per me rappresenta molto. Tutto ruota attorno a questi due elementi e la vera storia della città è stata lo spunto principale. Inoltre io seguo un percorso di crescita personale attraverso corsi, giornate di lavoro, seminari o altro. Nel mio quotidiano uso tecniche, energie e frequenze che la maggior parte delle persone ignorano. Credo che sia questo il mio spunto primario, una visione particolare della realtà.

Quando descrivi i protagonisti è tutta fantasia oppure t’ispiri anche a qualcuno di reale, (persona della vita quotidiana o altro)?

A volte utilizzo qualche modo di dire o degli atteggiamenti particolari prendendo spunto da amici e conoscenti. Non ho mai creato un personaggio a immagine e somiglianza di qualcuno, però c’è sicuramente qualcosa di mio in ogni personaggio: loro sono un po’ come i miei figli! A questa battuta sento già l’eco del “ah be’, li tratti proprio bene i tuoi bambini… poveri!”, insomma, per crescere bisogna anche soffrire un po’!

Che emozioni vorresti suscitare nei lettori?

Tutte quelle possibili, positive e negative. Perché noi siamo buoni e cattivi, dolci e crudeli. Per me non esiste un eroe senza macchia, così come è impossibile ci sia un personaggio totalmente malvagio. Quando riesco a ribaltare le carte in tavola e stupire i lettori sono felice.

La cosa più bella e la più brutta che ti hanno detto in riferimento a ciò che scrivi.

Il momento più bello è quando comprendono il senso che trapela tra le righe. Quando le mie parole riescono a far riflettere. La più brutta credo sia stata quando hanno paragonato i miei libri a Twilight. Ricordo la mia prima recensione davvero negativa in cui dicevano che Saira, protagonista di Tri, era un po’ come Bella, piatta e stereotipata. Ve lo dico io, Saira ammazzerebbe Bella, la scuoierebbe e con la pelle riuscirebbe a crearsi un paio di stivaletti alla moda! (Ride.)

Hai esperienza sia con il self publishing che con editori? Condivideresti qualche impressione e considerazione?

Nel 2012 non sapevo nemmeno cosa fosse il self publishing, mi hanno consigliato di provare a pubblicare su Amazon, questa novità in Italia. All’inizio ero titubante, poi ho accettato. Sono felice di averlo fatto perché in poco più di un anno ho venduto 10.000 copie. Con nessuna piccola casa editrice avrei mai ottenuto i risultati, e i guadagni, che ho realizzato come self. Mi piacerebbe avere un contratto con una grossa azienda, certo, quale scrittore non lo sogna? Ma i compromessi al momento non mi interessano. Dopo più di quattro anni nel settore, dopo centinaia di fiere e conoscenze, ho capito molto bene come funzionano i meccanismi editoriali e, forse, i miei libri sono un po’ troppo di nicchia. Tri potrebbe essere accettato dal grande pubblico, gli altri non credo siano abbastanza commerciabili. Ma magari è solo una delle mie “credenze” da smantellare. Chissà.

Hai un personaggio preferito dei tuoi?

Ne ho diversi preferiti, quelli che, forse, mi assomigliano di più. Ne ho anche alcuni che odio… Poi li ho uccisi. (Ride.) No dai, è capitata una sola volta in cui ho odiato talmente tanto un personaggio da farlo fuori, le altre morti le ho piante anch’io.

Cerchi sempre di trasmettere un messaggio preciso o è scrivendo che il messaggio viene fuori da solo?

Il mio problema è che cerco di trasmettere troppi messaggi e, a volte, mi incasino da sola. Allora la mia editor mi tira le orecchie, passando ore al telefono con me per cercare di valorizzare di più un passaggio rispetto a un altro. Sto un po’ tremando all’idea che legga la prima bozza di Figli del Sole, dove di messaggi ce ne sono così tanti da mettere alla prova me per prima.

Raccontaci qualcosa di te che vorresti condividere.

C’è un aforisma che mi piace molto e che uso sul mio blog: “Non si scoprono terre nuove senza accettare di perdere di vista, prima, e per molto tempo, ogni terra conosciuta” di André Gide. L’ho fatto diventare il mio modo di essere e cerco, per quanto possibile, di buttarmi nelle nuove esperienze con curiosità. Non è facile perché quello che viviamo ogni giorno, anche se non ci piace, è conosciuto, familiare e sicuro. Cambiare è rischioso. Ma non è forse questo il bello dell’avventura? Vi volevo lasciare con questo pensiero e con una frase molto potente: “E se potesse essere ancora meglio di così?”

Grazie per questa intervista!

Per oggi è tutto amici! Spero di avervi fatto scoprire dei bei libri nuovi e che vogliate conoscere anche voi Lorena e le sue storie!

Buon  venerdì

Laura.

 

Annunci

15 thoughts on “La giornata dell’Autore ~ Lorena Laurenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...