Le Dodici notti di Natale ~ The Twelve Days of Christmas

The-Twelve-Days-of-Christmas-Long-Laurel-9780803733572

Questa usanza si perde nei tempi, ma è rimasta famosa a causa di un canto natalizio conosciutissimo: “The Twelve Days of Christmas” ed esso si rifà proprio a questa tradizione.

12-days-of-christmasLa musica è di origine ignota, benché presente in area britannica e scandinava già nel XVI secolo. L’esistenza di versioni francesi ancora più antiche (e il riferimento alla pernice che fu introdotta in Inghilterra solo attorno al 1770) fa però presumere un’origine francese. All’inizio del XX secolo, Frederick Austin scrisse un arrangiamento, che è quello usato modernamente, dove inserì una propria melodia dal quinto verso (“golden rings”) in poi.

Il testo è una filastrocca infantile pubblicata per la prima volta nel libro Mirth without Mischief (Gioie Innocenti) a Londra nel 1780. Doveva essere recitata da alcuni giocatori in circolo nel corso di un gioco di memoria in cui i giocatori recitavano a turno un verso della filastrocca, in sequenza. Anni dopo, gioco e filastrocca furono ripoposti da una collezionista di canzoni popolari, Lady Gomme, come “Un bel divertimento per tutta la famiglia prima della cena della dodicesima notte di Natale.”

La canzone ha la struttura cumulativa tipica delle filastrocche; il narratore descrive i doni che gli vengono consegnati dal suo “vero” amore nei dodici giorni di Natale. Ogni strofa elenca tutti i doni delle strofe precedenti, aggiungendone uno. Una struttura simile in una canzone italiana si ritrova nel brano Alla fiera dell’est di Angelo Branduardi.

images

On the first day of Christmas, my true love sent to me a partridge in a pear tree.

On the second day of Christmas, my true love sent to me two turtle doves, and a partridge in a pear tree.

On the third day of Christmas, my true love sent to me three french hens, two turtle doves, and a partridge in a pear tree.

La canzone continua secondo questo schema fino ad arrivare all’ultimo verso:

On the twelfth day of Christmas, my true love gave (sent) to me
Twelve drummers drumming
Eleven pipers piping
Ten lords a-leaping
Nine ladies dancing
Eight maids a-milking
Seven swans a-swimming
Six geese a-laying
Five golden (gold) rings
Four calling (colly) birds
Three french hens
Two turtle doves
And a partridge in a pear tree

I doni, in sequenza, sono:

una pernice in un pero
due tortore
tre galline francesi
quattro uccelli che richiamano
cinque anelli d’oro
sei oche che covano
sette cigni che nuotano
otto fanciulle che mungono
nove signore che danzano
dieci signori che saltano
undici pifferai che suonano
dodici tamburini che battono il tamburo

Il pero del primo verso avrebbe potuto essere “une perdrix” (una pernice – partridge – in francese): “A partridge, une perdrix”. Il quarto dono era in origine di quattro “Colly (o collie) birds” cioè uccelli neri come il carbone. Il quinto dono potrebbe riferirsi agli anelli che ornano il collo di alcuni uccelli (ad esempio i fagiani) in coerenza col fatto che i doni da uno a quattro e il sesto si riferiscono ad uccelli. In molte versioni c’è un ordine diverso degli ultimi quattro oggetti. Esistono inoltre innumerevoli versioni modificate e parodie musicali o in prosa.

12daysofchristmas

Il periodo a cui fa riferimento questa usanza è quello che intercorre da il 25 dicembre e il 5 o il 6 gennaio, e viene chiamato anche Christmastide.

Non è chiaro il giorno finale esatto poichè cambia a seconda della tradizione seguita. La dodicesima notte è ritenuta il 5 gennaio, ma altri dicono sia il 6 in quanto epifania e termine definitivo delle feste, si celebra la visita dei Magi e la presentazione dei loro doni al Bambino Gesù. In alcune tradizioni, la festa dell’Epifania e dodicesimo giorno si sovrappongono.

12-daysIn Epoca Vittoriana, in questo periodo, era usanza lasciare accesa una candela davanti alla finestra durante i dodici giorni di festività oppure preparare le deliziose Mince Pies, molto presto anche quella ricetta, veniva realizzata una tortina diversa dall’altra per ogni notte!

Era ritenuto inoltre un periodo molto importante poichè dedicato a molti santi e vi era inoltre la superstizione che portasse sfortuna lasciare le decorazioni appese oltre il 6 gennaio, in quella data infatti, da tutte le case sparivano rapidamente tutti i tipi di decorazioni.

Spero come sempre che questo articolo natalizio vi sia stato gradito!

Buona giornata!

Laura.

siti

Acquista i miei libri! 

Clikka sull’immagine!

 Featured Image -- 7045LE CRONISTORIE DEGLI ELEMENTI - Il mondo che non vedi 1

Altri social:

Youtube

FacebookcronistorieTwitter  InstagramGoogle+Facebook

Annunci

20 thoughts on “Le Dodici notti di Natale ~ The Twelve Days of Christmas

  1. Ho rebloggato questo post sul mio blog! Sto leggendo “Il tredicesimo dono” della Smith, ispirato proprio a questa filastrocca, e la tua è stata una spiegazione molto bella della canzone!! Perciò ho voluto condividerla, spero ti faccia piacere! 😘

    Liked by 1 persona

  2. Pingback: Le decorazioni natalizie in Epoca Vittoriana | Racconti dal passato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...