2 Novembre

 

2-novembre-Giorno-dei-Morti-634x396

Vorrei dedicare questa poesia a tutti coloro che hanno perso qualcuno d’importante, sia esso un parente, un amico, un animale, un affetto qualsiasi.

L’amore che ci legava a queste persone non cambia nemmeno dopo la morte, continua a vivere e loro continuano a vivere dentro di noi. Un sorriso, una lacrima, un alito di vento, un profumo, un fugace ricordo.

La morte non è niente

La morte non è niente.
Sono solamente passato dall’altra parte:
è come fossi nascosto nella stanza accanto.
Io sono sempre io e tu sei sempre tu.
Quello che eravamo prima l’uno per l’altro lo siamo ancora.
Chiamami con il nome che mi hai sempre dato, che ti è familiare;
parlami nello stesso modo affettuoso che hai sempre usato.
Non cambiare tono di voce, non assumere un’aria solenne o triste.
Continua a ridere di quello che ci faceva ridere,
di quelle piccole cose che tanto ci piacevano
quando eravamo insieme.
Prega, sorridi, pensami!
Il mio nome sia sempre la parola familiare di prima:
pronuncialo senza la minima traccia d’ombra o di tristezza.
La nostra vita conserva tutto il significato che ha sempre avuto:
è la stessa di prima, c’è una continuità che non si spezza.
Perché dovrei essere fuori dai tuoi pensieri e dalla tua mente, solo perché sono fuori dalla tua vista?
Non sono lontano, sono dall’altra parte, proprio dietro l’angolo.
Rassicurati, va tutto bene.
Ritroverai il mio cuore,
ne ritroverai la tenerezza purificata.
Asciuga le tue lacrime e non piangere, se mi ami:
il tuo sorriso è la mia pace.

Henry Scott Holland

 

 

 

 

siti

Acquista il mio libro! 

 LE CRONISTORIE DEGLI ELEMENTI - Il mondo che non vedi 1

 buy_2._V196835997_

Altri social:

Youtube

FacebookcronistorieTwitter  InstagramGoogle+

 

Annunci

51 thoughts on “2 Novembre

  1. Pingback: Una giornata come tante. | Il Cuore di Beatrix Creazioni a maglia ed uncinetto

  2. Laura, è bellissima. Infonde una speranza nei nostri cuori. Oggi è un momento triste, ma lo è ancora di più per tutti Noi che eravamo affezionati a Silva. Vorrei tanto che ci fosse un segnale che ci aiuti a credere che i nostri cari siano solo nella stanza accanto. Vorrei credere che ci guardino di nascosto con un sorriso dolce. Non c’è giorno in cui non pensi alla mia mamma ed oggi ho il cuore gonfio di tristezza. Un caro abbraccio ed un grazie per aver condiviso questa poesia stupenda. Ciao

    Liked by 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...