Il Personale di Servizio

A Laundry Maid Ironing circa 1765-82 by Henry Robert Morland 1716-1797

Per tutte le famiglie, specialmente quelle facoltose, un personale di servizio eccellente era una delle priorità.

Nell’Epoca Vittoriana uno dei lavori più diffusi e accettabili per le donne era quello di cameriera, o come lo chiamavano loro il lavoro “a servizio“.

Le donne infatti potevano solo essere istitutrici o prendere servizio, visto questo sarà facile immaginare quanto sia alta la percentuale di donne che facessero questo lavoro.

00084301

APPRENDISTATO

193141L’età dell’apprendistato poteva iniziare sin dai 9 anni, oggi può sembrare assurdo, ma allora era molto ben vista un’età così giovane poiché era più facile educare la cameriera che era ancora molto malleabile e non si era già formata un suo carattere e opinioni.

Il primo impiego di solito era presso una famiglia vicino alla casa paterna, poco per volta, con l’esperienza le ragazze cercavano lavoro sempre più distante e con salari e contratti più interessanti. Inevitabilmente si finiva con l’allontanarsi sempre di più da casa per farvi poi ritorno solo pochissime volte l’anno durante le feste.

ORARIO DI LAVORO

a-ladys-maid-soaping-linen-henry-robert-morland1

Gli orari di lavoro erano pesantissimi e andavano al di là di qualunque tutela del lavoro moderno, a quei tempi non era molto presente il concetto diservant_scullery sfruttamento. Le ore lavorate potevano arrivare sino a 17 ore giornaliere.

La cameriera si alzava prima dell’alba, intorno alle 5/5.30 del mattino ed il suo primo compito era quello di preparare la casa per renderla perfetta al momento del risveglio dei padroni. Bisognava preparare in anticipo la colazione, fare il giro dei camini per accenderli e controllare che ogni cosa fosse perfettamente in ordine. Oltretutto, una volta che i signori si fossero svegliati, le cameriere avrebbero avuto il pesante disagio di averli tra i piedi con conseguenti inchini e saluti ogni volta che li incontravano per i corridoi ed in più il costante “disturbo” di dover rispondere alle loro continue richieste che si sommavano ai compiti fissi.

Alle 22.30, la governante o la capocameriera iniziava il giro delle stanze controllando che tutte le cameriere fossero nel letto e spegneva tutti i lumi ancora accesi.

LIVELLI DI SERVIZIO

image

Sguattera

a_victorian_maidSolitamente le ragazze iniziavano a lavorare come sguattere. Era un lavoro molto pesante perché comprendeva occupazioni che richiedevano un grande sforzo fisico. Dovevano lavare costantemente tutti i piatti che venivano sporcati in casa e provvedere a tenere perennemente vivo il fuoco della cucina, che non andava MAI estinto, inoltre, visto che l’acqua corrente non esisteva, dovevano provvedere a andare costantemente al pozzo a prendere l’acqua che poi veniva scaldata ed una volta scaldata portarla dove serviva all’interno della casa.

Ragazza di cucina

Il loro posto, specie nelle famiglie importanti era piuttosto ambito, anche se erano un gradino appena sopra le sguattere, ma la ragazza di cucina, lavorando direttamente sotto la cuoca, era la sua “assistente” e in caso la cuoca fosse vecchia o decidesse di ritirarsi, vi erano buone possibilità che l’assistente, se particolarmente brava, potesse ricevere il posto di cuoca. Le ragazze svolgevano tutti i lavoretti di cucina più noiosi e di routine che servivano da aiuto alla cuoca: mescolavano le zuppe e i minestroni, pestavano la carne, sminuzzavano le verdure, riempivano i piatti e controllavano che il cibo sui fuochi non bruciasse.

Ragazza del latte

Questa figura era molto ricercata nelle grandi case dove le famiglie avevano del bestiame proprio per provvedere al fabbisogno domestico. La lattaia4335128 mungevano gli animali da latte e trasportavano i secchi di latte in latteria o in cucina, a seconda delle dimensioni della casa e della ricchezza dei proprietari, la stanza dove si faceva il formaggio poteva essere una latteria dedicata o semplicemente la cucina. La lattaia usava la zangola per fare il burro, preparava i formaggi seguendone la lavorazione e si occupava anche del caglio.

La Cuoca

La posizione di cuoca era molto ambita, era una figura importantissima all’interno della gerarchia dei domestici, spesso veniva considerata dai padroni insostituibile, a seconda della sua bravura. Decideva il menù giornaliero con la padrona di casa e dirigeva tutto il personale di cucina. Come abbiamo visto nella precedente categoria era la posizione d’arrivo della ragazza di cucina.

La cameriera

Franck Antoine Bail   - A Maid Watering FlowersEra una posizione di medio livello, ma a seconda della casa dove lavorava potevano variare di molto i compiti che doveva svolgere.

In una casa di grosse dimensioni la cameriera semplice sottostava agli ordini della governante e si occupava di spolverare e lucidare, trasportare la legna, il carbone, tenere i fuochi della casa vivi e occuparsi della pulizia delle stanze.

In una casa della borghesia medio bassa invece poteva assumere il ruolo di tuttofare. Non essendovi molti domestici, come nelle grandi magioni, la cameriera assolveva i più svariati compiti: puliva, rammendava, assisteva i padroni di casa, portava i bambini a scuola, cucinava se non vi era una cuoca.

Cameriera di alto livello

Il grado di cameriera di alto livello era molto ambito, esse di solito servivano a tavola e assistevano i padroni, difficilmente avevano mansioni di pulizia gravose o pesanti e potevano anche essere scelte per accompagnare i padroni in viaggio. La cameriera di alto livello poteva facilmente passare al grado di cameriera personale, una posizione che probabilmente era preferita persino a quella di governante o capocameriera.

Cameriera personale1d317c87d90e435e3fdc885b8891fe60

La cameriera personale era la figura più vicina in assoluto alla padrona di casa, una sorta di dama di compagnia. Non svolgeva altro lavoro se non quello di occuparsi del benessere della padrona. La vestiva, l’aiutava a lavarsi, l’accompagnava in viaggio e spesso usciva con lei accompagnandola per negozi o passeggiate. Era facile che diventasse una fedele confidente della padrona, le Lady Vittoriane non avrebbero mai ammesso che la loro migliore amica era praticamente la cameriera personale, ma a tutti gli effetti era praticamente così. Una cameriera personale abile e piacevole poteva diventare facilmente la preferita della padrona tra tutto il personale di servizio e godere di grossi vantaggi.

La capocameriera

Questa figura esisteva solo nelle case molto grandi e con moltissimi domestici a servizio. Controllava il lavoro delle altre cameriere valutandolo, stava sempre sotto la governante, ma le due potevano interfacciarsi e sovrapporsi. Spesso poteva essere la stessa cameriera personale ad essere capocameriera.

Quando veniva assunta una nuova cameriera era lei che faceva il colloquio e la sorvegliava strettamente per poi riferirne alla governante o direttamente alla padrona a seconda di come era strutturato il livello gerarchico dei domestici in casa.

6a00d8341c84c753ef0191045794cc970c-200wiLa governante

La governante era il vero motore della casa e organizzava tutto il corpo domestici, una buona governante poteva voler dire una casa sempre perfetta e del personale invidiabile, una governante incapace poteva essere fonte di pessime figure per i padroni.

Difficilmente si arrivava presto a questa posizione o si vedevano governanti giovani, era una posizione che per essere svolta egregiamente richiedeva anni e anni di pratica, grandissime conoscenze di gestione della casa e organizzative.

Essa decideva le mansioni del personale, teneva il registro contabile delle cameriere, smistava tutta la posta e distribuiva oggetti e divise. Giudicava il lavoro delle cameriere, decideva le punizioni per il personale indisciplinato, eventuali furti e danni arrecati durante il servizio. La governate dipendeva direttamente dai padroni di casa, non aveva altri superiori ed i padroni di casa si fidavano ciecamente delle sue opinioni e giudizi.

RICERCA DOMESTICI

Joseph_Caraud_Das_Kirschenmädchen_1875

Il metodo sicuramente più efficace per trovare personale di servizio era dato dalle inserzioni

I salari medi di Londra possono essere impostati come segue: Maggiordomi, £ 40 a £ 100, Facchini, £ 20 a £ 40, Paggi, £ 8 a 15 £, Cuochi, £ 18 a £ 50; Cameriere, £ 10 a £ 25; Cameriere di salotto, £ 12 a £ 30; “servi generali” e donne di fatica, £ 6 a £ 15. Il preavviso di un mese è richiesto prima di lasciare il lavoro o prima delle dimissioni, ma in quest’ultimo caso un mese di stipendio, (e mance se richieste), sarà sufficiente. Se commette una grave colpa un domestico può essere licenziato senza alcun preavviso.

Ecco alcuni annunci dell’epoca

8584490_orig ad3 (1) ad4 Governess Ads image003 servants1 wanted-ladys-maid1

CRITERI DI QUALIFICA

victorian_maid_by_lataupinette-d52zd2sI vittoriani, molto puntigliosi sotto ogni aspetto della vita, avevano messo per iscritto regole ben precise sui domestici, essi dovevano impararle e rispettarle, ma soprattutto presentarsi ai colloqui, che venivano svolti prioritariamente dalla capocameriera o dalla governante, preparate su queste regole. La persona che faceva il colloquio verificava la rispondenza a quando elencato nei manuali, verificava che la ragazza avesse le qualifiche richieste per la posizione ricercata e controllava scrupolosamente le referenze che la stessa presentava.

Per gli stipendi possiamo fare riferimento al manuale di Mrs. Beeton’s, di cui abbiamo già parlato in passato, infatti essendo il suo libro una delle pietre miliari sulla gestione della casa tutto ciò che viene lì riportato nel capitolo dedicato viene poi fedelmente messo in pratica dai padroni di casa. Mrs. Beeton’s suggeriva quanto segue:

“La Governante da £ 10 a £ 80; Il Valletto da 25 a 50; Il Maggiordomo da 25 a 50; La Cuoca da 20 a 40; Il Giardiniere da 20 a 40; Il Lacchè da 20 a 40; Il Vice Maggiordomo da 5 a 30; Il Cocchiere da 20 a 35; Lo Stalliere da 15 a 30; Il Secondo Lacchè da 12 a 20; Il Paggio da 8 a 18; Il Garzone di Stalla da 6 a 12. “

COMPORTAMENTO DA TENERE

images (1)

Trattandosi dell’Epoca Vittoriana, dove tutto era etichetta e formalità, immaginerete facilmente che fare la cameriera non fosse un lavoro semplice come può sembrare, le cameriere dovevano avere un’educazione impeccabile e sottostare a una sorta di regole infinite.

A Londra, nel 1859, fu pubblicato il seguente libro:  THE SERVANT’S BEHAVIOUR BOOK or Hints on Manners and Dress for Maid Servants in Small Households by Mrs. Motherly , (il link vi porta al libro su Google books), dove vengono elencate le regole su un’infinità di cose: atteggiamento, modo di camminare, modulazione della voce, modo di abbigliarsi, postura. Il primo capitolo di questo libro parla proprio della voce e del modo di parlare.

Vi riporto alcune delle regole che i domestici erano tenuti a rispettare:

  1. Le balie sono spesso incoraggiate a cantare nella nursery; ma devono cessare immediatamente non appena fa il suo ingresso la padrona o il Ladies_Victorian_Edwardian_Maid_Costume_with_Mop_Hatpadrone.
  2. Mai prendere una piccola cosa della stanza in mano. Le lettere, il denaro, piccoli pacchi, un bicchiere, un cucchiaio, un coltello, una spoletta di cotone, un fazzoletto piegato, o qualsiasi altra piccola cosa, devono essere consegnati su un piccolo vassoio, che sia d’argento o no, conservato per lo scopo.
  3. Un grande pacco, un libro così grande da apparire imbarazzante sul vassoio per le lettere, un piatto, e tutte le cose più grandi, possono essere consegnate a mano.
  4. Nulla può fare un’ impressione migliore in un estraneo di un aspetto ordinato e pulito; e giustamente, giudichiamo che una ragazza che tenga le proprie mani ed i propri abiti puliti faccia lo stesso con il nostro cibo ed i nostri utensili.
  5. Non bisogna mai scegliere abiti di modelli o colori troppo azzardati . Non solo essi non sono adatti al lavoro che ogni domestica deve compiere il mattino, ma non potranno mai essere appropriati per dei dipendenti.
  6. Quando qualcuno si rivolge a voi, rimanere fermi in piedi, mani composte e guardate negli occhi l’interlocutore.
  7. Non parlare a voce alta. I padroni non devono udire la vostra voce a meno che non si siano rivolti direttamente a voi con una domanda o un’affermazione che necessita di una risposta.
  8. Non parlate ad altri servi in presenza della padrona a meno che non sia necessario e, anche in quel caso, solo a bassa voce.
  9. Non parlate mai per primi ai padroni di casa, ma solamente se c’è da consegnare un messaggio o da chiedere spiegazioni per qualcosa di importante. In quel caso farlo in modo educato e con meno spreco di parole possibile.
  10. Quando possibile, restituire oggetti dimenticati o perduti. Nel caso non fosse possibile consegnarli alla governante o alla capocameriera.IMG_3002
  11. Rispondere sempre se viene fatta una domanda. Farlo in maniera educata e utilizzando l’appellativo corretto, quindi “Lord”, “Lady”, “Conte”, “Contessa”, “Vostra Grazia” o qualunque sia il titolo della persona con cui state parlando.
  12. Non offrire mai la propria opinione se non è richiesta.
  13. Quando un datore di lavoro entra nella stanza, lasciatela velocemente, nel caso ci siano mansioni da terminare per i padroni, farlo in modo meno evidente e invadente possibile.
  14. Non dire mai “buongiorno” o “buonasera” se il saluto non è stato prima rivolto dai padroni nei vostri confronti.
  15. Se vi viene richiesto di camminare con il padrone o la padrona per portare pacchetti o fare compagnia, assicurarsi di rimanere diversi passi indietro.
  16. Essere puntuale agli appuntamenti e ai pasti.
  17. E’ vietato avere visite da parenti o amici, soprattutto in orario di lavoro.
  18. E’ vietato avere ammiratori ed innamorati. Le relazioni che verranno scoperte comporteranno l’immediato licenziamento.
  19. Ogni danno causato sarà detratto dalla paga.

I vittoriani tenevano persino veri e propri registri sul personale di servizio alle proprie dipendenze, questo spesso era uno dei doveri della governante, eccovi degli esempi tratti da : Weddington Castle.

1733652_orig 3594656_orig 6153818_orig 7104987_orig

Per chi fosse interessato a documentarsi ulteriormente:

  • Trevor May, The Victorian Domestic Servant, Shire Publisher, 2008
  • Emily Augusta Patmore, THE SERVANT’S BEHAVIOUR BOOK or Hints on Manners and Dress for Maid Servants in Small Households by Mrs. Motherly, Bell and Daldy, London, 1859. On line QUI
  • Judith Flanders, The Victorian House, Harper Perennial, 2004
  • Duties of Servants: A Practical Guide to the Routine of Domestic Service
    by Member of the Aristocracy
  • Pamela Horn, The Rise and Fall of the VICTORIAN SERVANT, Sutton Publishing LTD

Spero che questo articolo sia stato esauriente ed interessante e vi invito a farmelo sapere! Vi invito inoltre, nel caso ci fosse qualcosa che vi incuriosisce, a richiedermi di trattare l’argomento. Se volete ringraziarmi è molto gradita la condivisione dell’articolo su facebook tramite l’apposito tasto sotto il post. (Vi ringrazio anticipatamente per il tempo che avete dedicato alla lettura di questo ed altri articoli). Se dedicherete un secondo del vostro tempo a clikkare il bannerino rosa qui sotto mi regalerete un voto per aiutarmi a rendere un po’ più visibile il mio blog.

siti

Segui la mia pagina facebook!

Altri social:

TUMBLR

GOOGLE+

INSTAGRAM

TWITTER

Annunci

32 thoughts on “Il Personale di Servizio

  1. Ciao Dama con il Cappello Hai scritto un post strabiliante, meraviglioso, molto curato e dettagliato! Credo che andremo molto d’accordo noi due, i tuoi gusti sono i miei! Ti aspetto tra poco nel mio salotto dove ti darò ufficialmente il benvenuto. Pubblicherò anche a breve, le raccolte dei miei Limoges, i piatti Inglesi, i Capodimonte, i Ginori, i Laveno, le stampe del Tempesta, i vetri e i cristalli di Murano, i giocattoli d’antan, le bambole, le statuine Ladrò ,Delft, Capodimonte…. e altre collezioni che seguo da anni e anni! Scriverò sotto ai pezzi se sono in vendita oppure no. Sono Ragioniera diplomata nel lontano 1983 ed ho lavorato per anni nel gruppo Max Mara (che è nella mia città!) e in Banca, dove ero Responsabile del reparto Cassieri! Ma..c’è u nma….ho deciso di dedicarmi a ciò che amo di più e ho dato nel 2009 le mie dimissioni. Ho scritto 3 libri, vari articoli su giornali e riviste, faccio mercati d’antiquariato e vintage, organizzo mostre, sfilate d’abiti d’epoca e da sposa, allestisco feste a teme e creo! Quindi se un pezzo ti piace particolarmente dimmelo senza problemi e sono in grado di spedirtelo! Grazie per esserti iscritta da me, ne sono molto felice! Fabiana Schianchi

    Liked by 1 persona

  2. Ho mio fratello che vive in Inghilterra , sua moglie é inglese .Ti posso dire che i ricchi tuttora hanno le donne di servizio ed é un lusso che la piccola media borghesia con la crisi economica ha dovuto rinunciare .un sorriso 🙂

    Liked by 1 persona

  3. Ogni volta che leggo questo tipo di post sogno di possedere una macchina del tempo per poter tornare indietro e vivere di persona i fatti e la vita dell’epoca! Mi piace tantissimo inoltre la cura che metti nel descrivere ogni cosa… immagino che cosa bella uscirà fuori con il tuo libro! 🙂

    Liked by 1 persona

    • Nel libro ho cercato di intervallare le descrizioni con delle discussioni in modo da non farle risultare troppo pesanti, più che altro quando vanno nella loro città ci sono davvero una marea di descrizioni, il tipo di negozi, il castello, i giardini, le scuole, la biblioteca, gli abiti, i balli, così non volendo esagerare ho cercato di alternare dialoghi e descrizioni in modo da rendere il tutto più piacevole.

      Mi piace

  4. Pingback: Mattina ~ Vestirsi ~ La Giornata della Lady Vittoriana | Racconti dal passato

  5. Pingback: Mattina ~ Incontro con il personale ~ La Giornata della Lady Vittoriana | Racconti dal passato

  6. Pingback: Mattina ~ La Passeggiata ~ La Giornata della Lady Vittoriana | Racconti dal passato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...