Almack’s Assembly Room

 

60da09cbfafc44ad4bf789201de41222

“E così la stagione è appena iniziata, voi siete in palpitante attesa del primo invito, del primo ballo, di quella prima scintillante serata dove finalmente potrete partecipare alla vostra prima festa, dove i migliori partiti di Londra vi inviteranno a danzare e potrete indossare magnifici abiti volteggiando  tra le braccia di quello splendido cavaliere, che guardate da lontano da una vita, fino al mattino.”

Dove sognava una Lady dell’Epoca di essere ammessa?

Quale poteva essere il luogo che più desiderava frequentare?

Non lo sapete? Ve lo dico io!

 

Almack’s

Almack's

Almack’s

 

Era il luogo dove ogni ragazza vittoriana sognava di essere condotta per il suo debutto in società, dove la presenza equivaleva ad avere un posto tra la gente che “conta”.

dsa

Almack’s Assembly Room, questo il suo nome ufficiale, era il luogo di ritrovo mondano più famoso dell’intero Regno Unito.
Citato in ogni romanzo Regency, in ogni romance vittoriano, rappresenta l’essenza stessa delle persone che fanno parte della società bene.

Le sue porte aprirono la prima volta il 20 febbraio 1765 in King Street, nel quartiere di St. James, ovviamente luogo rispettabile, ben frequentato e cosa non da poco, ovviamente, famoso.
La posizione strategica di questo luogo è senz’altro una delle carte che lo hanno portato a diventare l’emblema dei sogni di tutte le ragazze vittoriane.
Venivano organizzati i balli più sontuosi e importanti e soprattutto, cosa innovativa per l’epoca, era frequentato da ambo i sessi. Si poteva inoltre giocare d’azzardo.
Il gioco purtroppo, nell’Epoca Vittoriana, era una grave piaga per la società, vi erano innumerevoli famiglie nobili che si erano ridotte sul lastrico per colpa di questo vizio, ciononostante la maggior parte delle sale da ballo e ritrovi offrivano questo “divertimento” ai propri clienti, ed era uno dei modi migliori per spillare soldi ai loro danarosi ospiti.

s

Oggi può sembrare strano che una sala da ballo potesse essere così famosa, ma bisogna ricordarsi che in quell’epoca la socializzazione tra i sessi era un fatto assai raro ed i balli, oltre a garantire questa chance, davano anche l’opportunità di approfittare di un po’ di contatto fisico.
Le danze consentite erano : reel e minuetti, successivamente vennero introdotte le quadriglie e molto dopo ancora il valzer, che per l’epoca era considerato un ballo scandaloso per via del modo in cui il cavaliere poteva stringere la dama.
Le fanciulle vittoriane sognavano di poter accedere questo luogo soprattutto perché essendo un luogo in cui era consentito l’accesso solo a una ristretta cerchia di persone avrebbero suscitato invidia tra le amiche non ammesse e cosa ancor più importante sarebbe stato un ottimo terreno di caccia per garantirsi un marito di un certo livello.

Accesso al Club

imagesInizialmente entrare al club era piuttosto semplice, sia gli ospiti maschi che femmine proponevano una rosa di nomi del sesso opposto da invitare. Se si conosceva qualcuno dei membri e si era in buoni rapporti o se si era una fanciulla particolarmente graziosa o un uomo molto ricco o di bell’aspetto era molto facile che prima o poi un invito capitasse, purtroppo però le cose cambiarono quando l’ingresso al Club divenne di dominio delle cosiddette Patrone o Patronesse, le signore di Almack’s.

Le Patronesse di Almack’s

lady-jersey

Una delle Patronesse di Almack’s, la Contessa di Jersey.

Queste donne arrivarono ai vertici del potere di Almack’s come socie fondatrici, erano mogli o sorelle di uomini illustri .
Esse avevano reputazioni impeccabili e maniere perfette e si occupavano di organizzare occasioni mondane per signore e signorine all’altezza delle loro reputazioni e soprattutto che fossero accettabili per i costumi dell’epoca.
La serata più famosa era quella dei balli del mercoledì che andavano avanti fino al mattino ed erano il sogno di tutte le signorine della buona società.

Le socie fondatrici di Almack’s erano:
Mrs Fitzroy
Lady Pembroke
Mrs Meynell
Lady Molyneux
Miss Pelham
Miss Lloyd

Le Patronesse di norma erano sei o sette per volta, queste donne oltre ad occuparsi dell’organizzazione dei ricevimenti valutavano i partecipanti e le loro accompagnatrici. Esse erano ovviamente a conoscenza di ogni minimo dettaglio della vita dei loro ospiti, conoscevano ogni scandalo ed ogni più piccola macchia che potesse esistere sulla reputazione di chiunque.
Sicuramente erano molte le donne prestigiose che sono state Patronesse, ma non è da escludere che alcune siano invece diventate famose proprio per la loro posizione da Almack’s

Le Patronesse del 1814, durante la Reggenza e il periodo di massimo splendore del club, furono:
4589602254_12e8dc9bc9Amelia Stewart, Viscontessa di Castlereagh
Sarah Villiers, Contessa di Jersey (da non confondere con la suocera, Frances Villiers, Contessa di Jersey, una delle più famose amanti di Giorgio IV quando era ancora Principe di Galles)
Emily Lamb, Lady Cowper, sorella del Primo Ministro Lord Melbourne e, successivamente, moglie del Primo Ministro Lord Palmerston
Maria Molyneux, Contessa di Sefton, moglie di William Molyneuz, secondo Marchese di Sefton
Mrs Drummond Burrell, il cui marito, famoso dandy, fu Barone Gwydyr dal 1816
Dorothea Lieven, Contessa di Lieven, moglie dell’ambasciatore russo; Principessa di Lievene dopo il 1826
Contessa Esterházy, moglie dell’ambasciatore austriaco, il principe Paul Anton Esterházy; diventerà Principessa Esterházy dopo il 1833

Le Patronesse di Almack’s erano i veri arbitri della Stagione, durante il loro incontro del lunedì decidevano chi avrebbe potutoviennese_ball_Wilhelm_Gause_004 avere accesso ai balli.
I balli del mercoledì sera erano il massimo dell’esclusività e solo le persone approvate potevano prendervi parte.
L’invito al Club rappresentava il giro di boa tra la società e la Società, quella che veniva chiamata “Ton”. Per una ragazza essere esclusa da Almack’s poteva significare un vero disastro sociale, non essere ammesse voleva dire essere carenti rispetto agli standard.

Accesso da Almack’s dopo l’avvento delle Patronesse

L'esclusivissimo e sognatissimo INVITO.

L’esclusivissimo e sognatissimo INVITO.

  • La via più semplice era essere soci. Per poterlo diventare era imprescindibile essere amici delle Patronesse, avere frequentazioni molto elevate e una reputazione irreprensibile ed ovviamente una genealogia di alto lignaggio.
  • Si poteva essere invitati da un socio. I cavalieri avevano facoltà d’invitare una dama, essa doveva essere ovviamente in possesso di un’ottima reputazione e doveva essere accettata in primo luogo dalle Patronesse.
  • L’onore più grande: L’invito speciale delle Patronesse.
    Queste donne, che avevano occhi e orecchie ovunque, facevano in modo di scegliere tra le fanciulle più meritevoli che facevano la loro comparsa a tutti gli altri balli della Capitale. Ricevere questo invito trasformava la dama in questione nell’oggetto dell’invidia di tutte le altre ragazze da marito.

Solo se si era invitati dalle Patronesse o si era soci fondatori si poteva tornare da Almack’s a proprio piacimento senza dover ricevere ulteriori inviti, se l’invito invece proveniva da un socio il ritorno non era altrettanto certo.
Anche tra le dame invitate o tra i soci si rischiava comunque di non essere riammessi, bastava uno scandalo o arrecare noia o disappunto alle Patronesse per essere invitati a uscire dalla porta senza potervi mai più rientrare.

Lo strapotere di queste donne durò fino al 1824, quando la rigidità delle regole e la complicazione del cerimonale richiesto cominciarono ad essere passati di moda e, quindi, anche Almack’s dovette abbassarsi ad accettare tra i suoi ospiti personaggi meno nobili e dalla reputazione meno candida.
Ecco quindi che i nuovi ricchi, la cosiddetta gentry, fa il suo ingresso in società.

Come era strutturato Almack’s?

dancing-at-almacks-1

Almack’s era costruito su più livelli.download
L’accesso, al livello della strada, comprendeva il salone di ricevimento e il guardaroba.
A salire c’erano le sale da gioco con i tavoli per il gioco delle carte, ad esempio il famosissimo faraone e, più in alto ancora, le sale da ballo, più di una, naturalmente.
Nonostante l’accesso limitato, Almack’s era molto frequentato e non di rado vi si trovava un certo sovraffollmento.

Posso visitare Almack’s?

almacks4

Purtroppo la risposta è NO.
L’intera struttura bruciò in un incendio nel 1871.
Invano si tentò di ricostruire quanto distrutto, ma uno dei simboli dell’epoca Vittoriana era crollato e non si poteva ricrearlo uguale.
Dove sorgeva una volta questo luogo, simbolo della società vittoriana, adesso vi sono uffici di alto livello .

stjames_drawingroom

Spero che questo articolo sia stato esauriente ed interessante e vi invito a farmelo sapere! Vi invito inoltre, nel caso ci fosse qualcosa che vi incuriosisce, a  richiedermi di trattare l’argomento. Se volete ringraziarmi è molto gradita la condivisione dell’articolo su facebook tramite l’apposito tasto sotto il post. (Vi ringrazio anticipatamente per il tempo che avete dedicato alla lettura di questo ed altri articoli). Se dedicherete un secondo del vostro tempo a clikkare il bannerino rosa qui sotto mi regalerete un voto per aiutarmi a rendere un po’ più visibile il mio blog.

siti

Segui la mia pagina facebook!

Altri social:

TUMBLR

GOOGLE+

INSTAGRAM

TWITTER

Annunci

13 thoughts on “Almack’s Assembly Room

  1. Pingback: Il Debutto in Società | Racconti dal passato

  2. Pingback: La Stagione | Racconti dal passato

  3. Pingback: Sono le cinque, #TeaTime ~ Il tè pomeridiano | Racconti dal passato

  4. Pingback: Sera ~ Il Dopo Pranzo ~ La Giornata della Lady Vittoriana | Racconti dal passato

  5. Pingback: Galateo ~ Come comportarsi in occasione di un ballo | Racconti dal passato

  6. Pingback: Le patronesse di Almack’s - Il salotto di Miss Darcy

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...