Capitolo 1 ~ Lady Jessica Bark (parte terza)

cavalla

«Vostra grazia», disse inchinandosi una volta di fronte a quell’uomo che le dava il voltastomaco.

Sentì che lo sguardo di lui la percorreva come un falco e una volta che ebbe terminato la riverenza lui la squadrò girandole intorno, nemmeno fosse un capo di bestiame che stava acquistando alla fiera e senza nessun pudore, una volta che le fu di nuovo di fronte, le fissò sfacciatamente la scollatura al punto da farla arrossire.

«Vostra figlia è un incanto per gli occhi conte», si complimentò rivolto a suo padre.

«Un incanto che presto potrete ammirare a lungo e dettagliatamente», intervenne suo fratello in modo sguaiato alzando un bicchiere.

Il duca fece una risata tonante e Jessica si sentì profondamente umiliata, quella scena era una delle più grette cui avesse mai assistito, senza considerare il fatto che la protagonista di quei commenti era lei stessa.

C’era qualcosa che non andava in tutto quello che stava accadendo, non poteva credere che la sua famiglia accettasse un comportamento del genere, Archie magari, ma non suo padre, e sua madre per cui quel matrimonio contava molto non era comunque il tipo di donna dedita allo scherzo e alle battute da taverna, l’unico modo in cui si sarebbe potuta definire sua madre era “algida” .

Era famosa per non commentare mai in pubblico gli sbagli, ma le sue occhiate gelide ti trafiggevano a tal punto che ancora prima di avere l’occasione di ascoltare il rimprovero sapevi già cosa ti sarebbe toccato.

Invece rideva divertita anche lei.

«Venite» la invitò il duca porgendole il braccio «vi voglio vicina a tavola».

Jessica non poté che accettare il braccio del suo futuro marito e subirne le sgradite attenzioni per tutto il pasto.

«Vi è piaciuta la giumenta?», chiese a un tratto il duca lasciando cadere nel piatto il cosciotto d’agnello che stava spolpando. L’olio gli colava dal mento, era uno spettacolo rivoltante, tuttavia Jessica si sforzò di mascherare il suo moto di disgusto.

«Jessica non ha ancora avuto modo di vederla», s’inserì nuovamente sua madre, «non voleva rovinarvi la gioia di essere voi a mostrargliela», mentì.

A Jessica per poco non andò di traverso l’acqua, che era una delle poche cose ad aver toccato durante tutto il pasto.

«Vi dimostrate già una perfetta futura moglie milady», si compiacque il duca sorridendole.

Jessica non sapeva cosa rispondere quindi si limitò a tacere, tanto non avrebbe potuto comunque dire ciò che pensava.

«Potremmo fare una breve cavalcata prima del tramonto», propose il duca.

«Certamente vostra grazia, è un’ottima idea», rispose pronta sua madre, nemmeno avesse invitato lei.

Per fortuna il pranzo si protrasse a lungo, il duca, come dimostrava il suo girovita, e il panciotto ormai sbottonato, non era tipo da alzarsi da tavola prima di qualche ora e come si era augurata Jessica, verso le cinque, arrivò il classico acquazzone pomeridiano tipico delle campagne inglesi.

«Oh che peccato, è venuto a piovere», osservò sua madre disperata in direzione del duca, quasi avesse da scusarsi personalmente per il tempo.

«Non vi preoccupate, dopo un banchetto come questo mettersi a cavallo sarebbe stato difficoltoso», rispose il duca tutto preso dalla seconda porzione di dolce, «domattina potremmo uscire di buon’ora e lady Barker potrà così mostrarmi un po’ meglio il territorio in modo che anch’io possa prendere confidenza con le mie nuove terre» propose infine.

L’osservazione del duca sulle sue nuove terre incuriosì Jessica.

«Non sapevo vi fossero delle terre libere nelle vicinanze, dov’è di preciso il vostro possedimento?», chiese con garbo.

«Oh, ma certo mia cara, orecchie delicate come le vostre non possono essere a conoscenza di certi dettagli. Sono il nuovo proprietario di tutti i possedimenti del conte di Crawford, mi sono accontentato della proprietà per non rovinare ulteriormente il figlio cui già non restava nulla, sarete felice di sapere che dopo le nozze potremmo vivere lì, così sarete vicina alla vostra famiglia e vostra madre potrà assistervi quando arriveranno gli eredi», rivelò il Duca.

La notizia fu un pugno nello stomaco, Jessica era felice di aver mangiato poco e niente o le sarebbe risalito su tutto, inoltre l’allusione ai figli che quell’uomo desiderava da lei le fece venire una nausea ancora maggiore se possibile.

«Siete impallidita mia cara», osservò il duca «forse quel castello non vi piace?» Chiese con studiata premura.

«Duca vogliate scusarla», s’intromise finalmente suo padre, «dopotutto Jessica, anche se pronta per il debutto, è ancora poco più che una bambina, non ha ancora visto nulla, in quella casa ha vissuto buona parte della sua infanzia poiché era molto amica di lady Crawford, la figlia minore del conte, la disgrazia che ha colpito la sua amica l’ha sicuramente molto turbata».

Jessica approfittò dell’osservazione del padre per alzarsi da tavola.

«Vogliate scusarmi vostra grazia, ma non mi sento molto bene, ho bisogno di sdraiarmi, probabilmente ha ragione mio padre, la disgrazia che ha colpito Abby mi getta nello sconforto, domattina sarò felice di accompagnarvi in un giro a cavallo».

Senza dar tempo a nessuno di obiettare sul suo comportamento Jessica volò fuori dalla sala da pranzo diretta verso la sua stanza.

In realtà non stava più così male, qualcosa era scattato dentro di lei, prima i suoi genitori pronti ad accettare ogni volgarità detta da quell’uomo, poi scoprire che era lui l’uomo con cui si era indebitato il padre di Michael diedero ancora più corpo alla sensazione avversa che aveva provato non appena lo aveva visto.

Prima di tutto però aveva bisogno di parlare con Michael, da sola, e la gita di domani sarebbe stata una buona occasione, con questo proposito in mente accettò di buon grado l’aiuto di Mariette per cambiarsi e fingendo di stare molto male anche con lei chiese che per cena le facesse portare a letto una tazza di brodo caldo, aveva bisogno di tempo e solitudine per elaborare un piano per il giorno seguente.

<<<CONTINUA>>>

Per restare sempre aggiornato segui la Pagina Facebook

Lady With Hat ©

Annunci

6 thoughts on “Capitolo 1 ~ Lady Jessica Bark (parte terza)

  1. Pingback: Capitolo 2 ~ Lady Jessica Bark (parte seconda) | Racconti dal passato

  2. Pingback: Riassunto e Domande | Racconti dal passato

  3. Ciao ^^
    Altro bellissimo capitolo! Sono proprio curiosa di vedere cosa combinerà Jessica per stare con Michael e inoltre sei riuscita davvero a rendere bene la situazione di Michael oltre allo stento con cui Jessica lo tratta male. Questa storia mi prende sempre di più 😀

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...